BRICKOUT EXPO’

BRICKOUT EXPO’

Lo scorso weekend ad Ottaviano (NA) si è svolto il primo BRICKOUT EXPO’, il primo evento dedicato interamente ai LEGO mai tenutosi in Campania organizzato dal gruppo AFOL Brickout in collaborazione con lo Smile Village, una struttura del luogo adibita ad eventi per bambini e ragazzi.

Sappiamo bene che al sud Italia vedere organizzato un evento del genere è molto difficile, infatti al momento l’unico altro appuntamento dedicato ai nostri amati mattoncini era il Brick Generation Days (evento ufficiale IT Lug), che si teneva in Calabria e che al momento è in “pausa” dall’inizio della pandemia. Questo non perchè manchino gli AFOL al sud, ma perchè manca “struttura” intesa sia come organizzazione umana che come rete di appassionati.

Il gruppo Brickout, composto per lo più da costruttori del sud Italia, dopo alcuni anni passati a partecipare ai classici eventi del centro nord ha deciso che era giunto il momento di porre la prima pietra malgrado tutte le difficoltà del caso. Inizialmente l’evento avrebbe dovuto svolgersi presso una struttura pubblica, ma a causa dell’improvvisa inagibilità di una location storica, dove sono iniziati lavori di restauro e dell’incertezza sullo smantellamento del polo vaccinale allestito presso il centro sportivo della città, si è dovuti ripiegare su una struttura privata con minor superficie a disposizione.
Malgrado ciò il comune di Ottaviano non si è tirato indietro e ha quindi permesso l’accesso gratuito a tutti i bambini e ragazzi delle scuole e di questo il merito va a Luca Capasso – sindaco, Virginia Nappo – assessore all’ istruzione, Elena Picariello – assessore alle politiche dell’infanzia e Lorenzo Pisanti – consigliere comunale, che hanno espresso anche la volontà di replicare l’evento in scala maggiore nel prossimo futuro garantendo l’accesso gratuito a tutti.


La difficoltà tecnica principale è stato trasformare, in un solo giorno, un locale adibito a feste e giochi per bambini, con gonfiabili, playground, giochi vari, pavimenti anti-trauma e cancellate imbottite in un area espositiva che potesse accogliere MOC anche di grandi dimensioni, un Diorama City di 13×2 metri e ovviamente il pubblico offrendo loro un percorso di fruizione gradevole e funzionale.
In questo Brickout e Smile Village hanno compiuto un vero e proprio piccolo miracolo, tanto da ricevere complimenti anche dall’espositore più esigente, ma cosa più importante , da tutto il pubblico che ad oggi continua a scrivere allo Smile per ringraziare e sapere quando si replicherà.

Ma cosa ha potuto vedere per la prima volta il pubblico campano? è presto detto!

All’ingresso alla mostra un’ampia vetrata si affacciava su un diorama city da 13×2 metri, curato come sempre in ogni dettaglio, dall’inizio alla fine e carico di scene, veicoli e treni automatizzati che nel complesso offrivano una gamma decisamente vasta di temi LEGO al pubblico entusiasta che non aveva mai visto una cosa del genere prima. Tanto risultava gradito che la permanenza del pubblico di grandi e piccini è andata ben oltre le solite tempistiche e molti non si aspettavano di trovare altro!

Infatti quando poi capivano che questo era solo il “benvenuto” e proseguivano la visita verso la seconda sala lo stupore e le grida dei più piccoli aumentavano a dismisura.

Nella sala riallestita per l’occasione infatti ecco che MOC di gran livello si presentavano agli occhi degli ospiti in tutto il loro splendore! Dagli edifici curati maniacalmente in ogni dettaglio e cromia di Renato Lovicario, passando per le supercar Technic customizzate di Sofien Douik si arrivava al tavolo dove in un affollamento ordinato trovavano posto le opre di Stefano Russo, Enzo Romano, Dario Saggese, Walter Ancona, Orlando Tornusciolo, Massimiliano Valentini, Ernesto Capobianco,Giuliano Malatesta e Aurora Piredda.


Andando ancora avanti ecco spuntare il grandissimo diorama medievale di Alessandro Ciotti, la sua “SEVENOAKS” ha riscontrato un grandissimo successo ed Alessandro ha addirittura organizzato dei minitour alla scoperta del segreti del suo castello!


Proseguendo si arrivava al diorama vichingo del giovane rampollo di Brickout, Leonardo Perrone con il suo fantastico serpente marino e i dettagli realizzati grazie alla sua grande creatività.


I pirati di Sandro Zunno accoglievano il pubblico con 3 metri di diorama intitolato “LA TREGUA”, uno spettacolo tra scene comiche, minifigures, velieri e dettagli di ogni genere.

E dai pirati al giurassico col nuovo diorama del caro Fabrizio BICIO Giuliani : PREISTORIK ,dove anacronismo e comicità fondono cavernicoli e famelici dinosauri in un mondo dettagliatissimo, ricco di colori, motorizzazioni, luci e suoni …come sempre uno dei favoriti dei bambini !


Si chiude il percorso con le sempre splendide riproduzioni, tassativamente in scala minifig dell’ormai famoso Ingegnere del gruppo: Luca Gaudenzi , con le sue Frecce Tricolori, i suoi F-14 TOMCAT, l’ F-104 e una quantità immane di altri veicoli terresti tra cui un carro armato Abrahms radiocomandato. …in attesa che anche il suo meraviglioso C-130 prenda vita !


Come alcuni avranno capito, a questa prima edizione del BRICKOUT EXPO’ hanno partecipato anche membri dello storico LUG ROMABRICK , questo perchè ormai negli anni si è consolidato un rapporto di collaborazione ed amicizia continuativo che si afferma sempre di più ad ogni evento e che permette l’un altro di godere non solo dell’ aiuto, ma anche della compagnia dei membri dei due gruppi vivendo così la vera condivisione di questa passione comune in un clima disteso e costruttivo. Grazie a ROMABRICK infatti, si è potuto offrire al pubblico di questa “data 0” anche un area gioco libero e uno Store di vendita dove poter acquistare pezzi e set.



Benchè l’intento di BRICKOUT sia quello di diventare il primo R-LUG del sud italia, impresa non facile sia per le politiche stringenti di LEGO , che per l’oggettiva necessità di compiere degli step importanti in un territorio refrattario, lo spirito collaborativo ed inclusivo è quello che contraddistingue di più questa “band of builders” . A dimostrazione di quanto affermato ecco comparire al suo debutto la loro MOC COMUNITARIA “aperta a tutti” ….ma proprio a tutti !

Di cosa si tratta ? beh per il momento ve la possiamo mostrare con un paio di scatti, per i dettagli dovrete aspettare il prossimo articolo!



Brickout ringrazia lo staff dello Smile Village, in particolare Valeria Bonagura e Luisa Catapano, L’ amministrazione pubblica di Ottaviano, Romabrick, Pamela Lagalante per le foto e tutto il pubblico intervenuto a questa prima edizione e ovviamente Brick.it Magazine per l’interesse dimostrato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.