LEGO® Star Wars 75318 – The Child

LEGO® Star Wars 75318 – The Child

Con l’arrivo della serie ‘The Mandalorian’, hanno fatto il loro nell’universo di Star Wars diversi nuovi personaggi.
Uno su tutti ha però catturato l’attenzione del pubblico e degli appassionati: il bambino.
Fin dalla sua prima apparizione l’impatto di Baby Yoda (come veniva erroneamente chiamato all’inizio) è stato davvero notevole, soprattutto considerando che è un personaggio incapace di parlare.
I designer del gruppo LEGO, visto il successo del personaggio avevano gioco facile, ma bisogna assolutamente ammettere che il risultato finale va oltre ogni aspettativa. ‘The Child’ è un set spettacolare, ben fatto e progettato con cura.
È ovvio che l’aspettativa maggiore riguardava l’espressione del volto e il risultato finale è assolutamente perfetto. Le espressioni, la costruzione generale e il modello della testa hanno raggiunto un risultato davvero eccellente.

La struttura poggia su un telaio Technic su cui sono agganciati i quattro lati che compongono la tunica indossata dal piccolo Grogu (questo il suo nome nella serie), a cui poi vanno inserite le due braccia con le maninine prensili. L’effetto, pur essendo costituito da tale affiancati risulta molto fluido ed elaborato.A questo punto arriva il vero pezzo forte, che come dicevamo prima, è la testa, il cui punto forte è al percezione del movimento che permette al bambino (o meglio a chi lo utilizza) di spostare o ruotare leggermente il capo.

Questo leggero movimento, accentuato notevolmente dagli enormi occhi neri, permette al modello di acquisire una profondità ed un realismo incredibili.


Il risultato finale è veramente stupefacente, soprattutto per chi, come me, non è un amante di questo genere di set e dimostra l’altissima qualità espressa dai designer LEGO. Ciò che non funzionava con i personaggi precedenti in questa scala è stato risolto e migliorato, facendo diventare il set 75318 The Child il miglior personaggio costruibile realizzato finora dal gruppo LEGO ed uno dei set migliori degli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.