LEGO® 40519 – CREATOR – Cartolina da New York – Recensione

LEGO® 40519 – CREATOR – Cartolina da New York – Recensione

Un set inaspettato che mi ha suscitato grande curiosità dal primo momento. Mi son chiesto se fosse l’alba di una nuova linea di Skyline per bambini, ma non mi tornava, poi ne scopro il nome italiano: : CARTOLINA DA NEW YORK” beh… niente di meglio che montarlo per schiarirsi le idee !


Il box si presenta piccolo, ma bello cicciotto, sul retro c’è un piccolo planisfero stilizzato con la posizione di New York e il riferimento ad un altro set che si rifa sempre alla città che non dorme mai: il Taxi giallo (40468). All’ interno del box 4 buste numerate , stikers, istruzioni e plate extra di colore nero evidentemente per il fondale.
Si parte proprio da quello, composto da una base di plate neri e da un mosaico di tile di vari colori che vanno a creare l’illusione di altri edifici e del cielo sullo sfondo con tanto di nuvoletta dal sapore molto fumettesco. Dall’ immagine presente sul box in realtà mi sarei aspettato un cartonato unico, perchè non sembrava affatto riprodotto uno spessore degno di un qualcosa di costruito, meglio così !


Lady Liberty fa la sua comparsa dalla busta numero 2 in tutto il suo splendore ! Che questo grande ritorno faccia salire la richiesta di questo set? o questo set determinerà il calo del valore collezionistico della celebre minifig? Personalmente non mi interessa molto, preferisco continuare a montare !

Partiamo dal supporto di base in stile “gran risparmio”, ma devo ammettere che è coerente con la mole del set e che una volta poi assemblato al fondale risulta robusto.

Di microscala ne abbiamo vista tanta ormai, come se la caverà questo set nella creazione del landscape di base? bene direi. Pochi pezzi utilizzati con intelligenza fanno il loro dovere nel ricreare la microscopica Manhattan. E che sarebbe Manhattan senza i suoi storici edifici ? uno scoglio in mezzo al fiume Hudson!
Ecco quindi che ci troviamo di fronte allo storico ed imponente (!) Empire State Building, molto ben reso dall’esiguo numero di pezzi che però grazie ad una serie di adesivi si completano in manioera decisamente gradevole.

Passiamo al secondo edificio, stavolta il trans dark blu crea la base per altri adesivi che dopo qualche minuto ci rendono al cospetto del One World Trade center. Meno caratteristico nella forma dell’altro, ma sicuramente riconoscibile.

Poteva mancare un ponte a New York ? non sia mai! e quindi ecco apparire il basamento del più iconico collegamento della grande mela, The Brooklyn Bridge! Ma cos è un ponte senza traffico? nulla ! ecco perchè anche la versione lillipuziana di un iconico Yellow cab trova posto sulla carreggiata.

Posizionato su un turntable 2×2, il ponte risulterà poi orientato diversamente dal resto della costruzione per finire “nascosto” dietro la statua della libertà, che trova il suo posto su un basamento semplice ma d’ effetto che simula liberty island. Il fissaggio del ponte, a causa dell’elemento rotante di base, risulta traballante, ma nel complesso la scenografia è efficace, si può perdonare questa leggerezza. Sul ponte campeggia una piccola Stars & Stripes stampata su tile 1×2 e nelle acque dell’ Hudson c’è anche qualcosa che galleggia…a voi capire cosa sia !

Si ringrazia il Gruppo LEGO® per aver fornito a Brick.it Magazine una copia recensione del set. Tutte le considerazioni espresse in questa recensione sono frutto dell’opinione personale dell’autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.