Il ritorno dello Space… bello, ma non è quello che speravamo

Il ritorno dello Space… bello, ma non è quello che speravamo

Non so voi, ma io quando ho visto quella nuova banda laterale sulle immagini delle prime scatole marchiate ‘Space’ ho davvero creduto in un ritorno della serie classica. In fondo un po’ di avvisaglie le avevamo anche avute…
Un piccolo set LEGO Movie 2, una riedizione della Galaxy Explorer, un GWP dedicato ai Blacktron…

Invece, quando sono arrivate le prime immagini ufficiali dei set in uscita è arrivata la delusione. Non fraintendetemi. Alcuni di questi set sono molto interessanti e, soprattutto i Technic, degni di nota. Ma non è quello che noi AFOL ci aspettavamo.
Partiamo dalla prima questione: non esiste una sola linea ‘Space’.
Abbiamo set space sparsi per tutta la linea di produzione LEGO. Dai Duplo ai Technic, passando per Friends e City… una gran confusione.
Ma vediamo cos’è marcato Space e cosa rappresenta.

Iniziamo dai set destinati ai più piccoli. Il set 10422 Duplo 3in1 Space Shuttle Adventure rappresenta una piccola astronave con due omini pronti a esplorare lo spazio e a conoscere gli alieni che ci vivono. Un buon inizio per avvicinare i più piccoli. Passiamo al 11037 – Classic Creative Space Planets: 450 pezzi colorati per creare piccoli alieni e poc’altro.

Passiamo alla linea Creator. Qui troviamo un set interessante e decisamente ben realizzato: Creator 3in1 31152 – Astronauta spaziale.
Oltre all’astronauta spaziale da esposizione, con i pezzi contenuti sarà possibile realizzare altri 2 playset spaziali diversi: un cane spaziale futuristico con gambe e coda semoventi e un Viper- jet spaziale in cui sarà possibile inserire una minifigure (non inclusa) per pilotarlo.
Si tratta di tre modelli interessanti, forse poco giocabili (tranne il ViperJet), ma ben realizzate. Molto bello lo schermo dorato dell’astronauta, che diventa la cupola del jet.
Tutti e 3 i modelli fanno la loro figura e sono dotati di supporti per l’esposizione. Belli, d’accordo, ma nulla hanno a che fare con il Classic Space.

Passiamo a set più giocabili partendo dalla serie Friends, che negli ultimi anni ha regalato dei set veramente interessanti. Il primo dei set LEGO 2024 con la scatola blasonata con lo striscione Space è il 42603 – Stargazing Camping Vehicle. Non è un vero e proprio set spaziale, perché di fatto è completamente ‘terrestre’ e gli unici elementi che possono avere una certa attinenza con lo spazio sono un telescopio e uno sfondo per creare le proprie costellazioni e individuare pianeti o corpi celesti.
Il secondo, il 42605 – Mars Space Base e Rocket è, invece, molto più interessante con una bella base di ricerca e un razzo che sta già trasportando i nuovi LEGO Friends nello spazio, per incontrare uno degli alieni che anche gli astronauti di LEGO City incontreranno l’anno prossimo.

Passiamo dunque a questo tema, il più corposo, partendo dai set più piccoli per arrivare in seguito ai maggiori. Incontriamo subito la prima polybag, 30663 – LEGO City Space Hoverbike, piccolo set con una minifig che indossa la nuova divisa che contraddistingue questa serie, mentre sfreccia volando alla ricerca di cristalli viola.
Cristalli che sono i protagonisti anche del secondo set che vi andiamo a presentare il 60428 – Space Construction Mech, un esoscheletro che aiuta i nostri eroi a estrarre materiali o costruire nelle proibitive condizioni spaziali.
Il terzo è il 60430 – Interstellar Spaceship. Si tratta di una navetta pensata per sfrecciare nello spazio profondo a grande velocità. Sembra compatta e molto aerodinamica e, sicuramente, sarà un bel gioco per molti bambini.

Set leggermente più grande, e adatto ai bambini a partire dai 4 anni, quindi con una costruzione molto semplificata, è il 60429 – Spaceship and Asteroid Discovery, che oltre a regalarci due minifigure e un piccolo alieno verde, ci offre una navetta spaziale, un estrattore di minerali e un laboratorio di analisi.
Più interessante il veicolo per affrontare il suolo alieno presente nel set 60431 – Space Explorer rover and Alien Life. Anche qui due minifigure, due alieni con una forma differente rispetto a quella vista sinora e un grande mezzo a sei ruote molto avveniristico.
Massiccio e imponente il 60432 – Command Rover and Crane Lander. Un pesante mezzo a otto ruote con gru e ampia stiva in cui riporre reperti di varia natura. A mio parere uno dei più belli di questa release. Completano il tutto quattro minifigure, due alieni e un robot.

Passiamo ai due set più grandi della serie. Il primo è il 60433 – Modular Space Station, una base orbitante composta da sei moduli che ruotano grazie ad un grosso anello. I moduli sono separabili e possono essere usati anche come capsule di salvataggio. Sei minifig completano il tutto.
Ultimo set è il 60434 – Space base and Rocket Launchpad. Si tratta di una piccola base spaziale con un centro di controllo posto a livello rialzato e una gru con cui sollevare materiali. Un piccolo veicolo, una navetta poggiata su una rampa, sei minifigure e due alieni arricchiscono il tutto. Devo dire che tra tutti, questi è forse il più deludente, anche se trovo molto interessanti le nuove foglie in trans-pink e i perni a stantuffo per sostenere la base dell’edificio.
Da quello che abbiamo visto in questi set, appare chiaro che più che l’esplorazione spaziale che tanto ci affascinava da bambini con i set Classic Space, qui l’attenzione è posta sullo sfruttamento delle risorse aliene. Laboratori di ricerca, estrattori, gru e Metal detector ci portano in questa direzione. Anche la presenza aliena non mi pare significativa per tentare un contatto significativo.

Passiamo ai set Technic.
Molto affascinante e interessante è decisamente il 42179 – Planet Earth and Moon in Orbit, la riproduzione dell’orbita della Terra e della Luna attorno al Sole. Il set, consigliato per i bambini con più di dieci anni, comprende una rappresentazione (ovviamente non in scala) dell’orbita terrestre attorno alla nostra stella e di quella lunare attorno al pianeta azzurro. Come potete vedere dalle immagini, la base del prodotto è composta da un meccanismo che permette la rotazione del modellino grazie ai suoi ingranaggi.

Il secondo nuovo set in arrivo è il 42178 – Surface Space Loader LT78, consigliato per un pubblico di bambini dagli otto anni in su. Il modellino rappresenta un veicolo pensato per l’esplorazione della superficie di pianeti alieni e si contraddistingue per le sue ruote enormi, nonché per la possibilità di estrarre un braccio dalla sua cabina di pilotaggio.
Il look futuristico e il grande parabrezza anteriore lo rendono molto interessante.

Terza novità è il 42180 – Mars Crew Exploration Rover, da 1.599 pezzi e indicato ai bambini dagli 11 anni in su.

Anche in questo caso parliamo di un veicolo per l’esplorazione marziana. Il rover ha sei ruote, una gru posteriore e delle dimensioni generose: dalla confezione, inoltre, possiamo vedere che il veicolo può essere configurato in diversi assetti, rialzando o allungando parte del telaio.

Infine abbiamo il 42181 – VTOL Heavy Cargo Spaceship LT81, da 1.365 pezzi. Il modellino, pensato per i costruttori da dieci anni in su, rappresenta una vera e propria navicella spaziale con quattro motori, di cui due verticali. L’astronave è pensata per attività cargo (esattamente come il Loader e il Rover di cui abbiamo appena parlato) e può essere agganciata agli altri prodotti della linea Technic del 2024.

One thought on “Il ritorno dello Space… bello, ma non è quello che speravamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *